Anche le piante grasse hanno bisogno di essere annaffiate

Le piante grasse sono di numerose specie e le loro origini provengono da territori aridi, semidesertici o desertici di tutti i continenti. Sono piante che hanno la caratteristica di immagazzinare al loro interno grandi quantità di acqua nei periodi particolarmente piovosi,  acqua che diventa utile come riserva durante i lunghi periodi di siccità.

La caratteristica di queste piante è di possedere al loro interno un tessuto succulento, ossia una carnosità soffice e spugnosa satura d’acqua, un vero e proprio serbatoio in grado di trattenere o rilasciare liquido in funzione del fabbisogno delle piante stesse.

Per poter sopravvivere in luoghi avversi, le piante grasse hanno subito particolari modificazioni morfologiche, trasformando le foglie in spine.

Non sopportano il freddo e la temperatura minima tollerata è di 7°C:

Sono piante facili da coltivare ma contrariamente a quanto si può pensare, anche le piante grasse hanno bisogno di essere annaffiate periodicamente.

Hanno fiori di scarsa durata e spesso la fioritura avviene solo di notte, proprio per ridurre la traspirazione d’acqua.

6 modi di essere delle piante grasse:

  1. maestose come alberi
  2. minuscole come pietre
  3. piatte
  4. larghe e basse
  5. strette e alte come colonne
  6. ricoperte da grosse spine, da lanugine, oppure completamente lisce e vellutate

Le piante grasse rappresentano proprio un mondo a parte: per le caratteristiche, per la resistenza, per il comportamento vegetativo, per le fioriture e altre molteplici particolarità.

Centro Commerciale, 81 - 20090 San Felice Segrate (MI) | Codice fiscale e P.IVA: 09347250962 | R.E.A. 2084774

Privacy